News

La Tognazza adotta il primo tappo senza impronta di carbonio

Posted On ottobre 10, 2016 at 4:17 pm by / No Comments

La natura è sempre stato l’ingrediente principale dei nostri prodotti.

Quando abbiamo scoperto l’esistenza di un tappo a zero emissioni CO2 e a resa migliore rispetto agli ordinari tappi in sughero, non potevamo non accoglierlo con entusiasmo e curiosità nel Mondo Tognazza e adottarlo per le nostre nuove etichette, 69 e Casa Vecchia  (di prossima uscita).

tappo69Vi chiederete cosa sia un tappo a zero emissioni di CO2. Si tratta di un tappo della linea “Select Green” di Nomacorc (azienda leader di chiusure per vino) ricavato dalla canna da zucchero ed al 100% riciclabile. Proprio per questa sua derivazione vegetale, questo tappo non comporta alcun aumento di emissioni di CO2 durante la sua produzione: la canna da zucchero, infatti, assorbendo CO2, è in grado di compensare completamente le emissioni.

 Ma non è solo la parte “green” che ci ha convinto, il suo utilizzo comporta numerosi vantaggi. Il tappo “Select Green” garantisce, infatti, un maggior controllo del livello di ossigeno all’interno della bottiglia, prevenendone il deterioramento ed i difetti come l’ossidazione e la riduzione (livello troppo basso di ossigeno) e migliorandone in questo modo l’invecchiamento, visto che l’ossigeno è un elemento fondamentale nella modulazione di colore, aroma e caratteri organolettici.

E inoltre vengono eliminati alcuni inconvenienti tipici del tappo di sughero come il sentore di tappo e la rottura/sbriciolamento.

Abbiamo deciso di iniziare quest’avventura impiegando questo tappo rivoluzionario per La linea “La Tenuta”, il nostro orgoglio più grande. I vini di questa linea, come ha già dimostrato il “69”, sono e saranno dei vini intensi, avvolgenti e destinati ad invecchiare bene. Eleganza, cura e raffinatezza caratterizzano le due etichette de “La Tenuta”: dal design ricercato, alla scelta delle materie prime e alla lunga lavorazione, fino all’esplosione sensoriale al momento della degustazione e alla scelta di un tappo “alternativo” che aggiunga valore al valore.

Lascia un commento